Yevguenia Bosch, i paradossi del nichilismo nazionale

Author
Andrii Zdorov (Андрій Здоров),
Date
August 25, 2022

image

Per la maggior parte degli ucraini di oggi sarà sorprendente sapere che la prima donna a capo di un governo ucraino non è stata Yulia Tymoshenko, ma Yevguenia Bosch (Євгенія Бош). Anche se il suo cognome è apparso per un po' nella sezione "Storia" del portale Internet ufficiale del Consiglio dei Ministri dell'Ucraina, la parola "Bosch" per i nostri compatrioti significa soprattutto un marchio di tecnologia tedesca, non il nome del leader dei bolscevichi ucraini nel 1917 - inizio 1918. E come se non bastasse, il suo nome è stato avvolto da leggende e misteri.

Uno di questi è stato creato dall'ex hetman ucraino Pavlo Skoropadsky, che negli anni Venti scrisse con orgoglio nelle sue memorie come lui, allora tenente generale dell'esercito russo e comandante del 1° Corpo ucraino, tra la fine di novembre e l'inizio di dicembre del 1917 salvò Kiev dall'offensiva del 2° Corpo delle Guardie "sotto la guida dell'agitatrice Bosch". Yevgenia Bosch visitò effettivamente questo corpo, che allora si trovava a Podillia, ma un mese prima - dal 31 ottobre al 2 novembre 1917 (vecchio calendario). In quel periodo a Vinnytsia c'erano scontri tra le truppe dell'ex governo russo di Kerensky e i sostenitori del Consiglio dei Deputati dei Lavoratori e dei Soldati. Il 2° Corpo delle Guardie dichiarò il proprio sostegno al governo sovietico e lanciò un'offensiva su Vinnytsia da Zhmerynka. Nel periodo descritto da Skoropadsky, tra novembre e inizio dicembre 1917, Yevgenia Bosch si trovava a Kiev, dove partecipò al congresso regionale dei bolscevichi ucraini, fu eletta nel comitato principale della RSDLP (b) - Socialdemocrazia ucraina, e al Primo Congresso dei Soviet di tutta l'Ucraina, per cui non poté guidare il 2° Corpo di Guardia da Zhmerynka.

Misteriosa è anche l'affermazione di uno dei primi biografi di Simon Petliura, il tenente colonnello dell'esercito dell'URP Vasyl Prokhoda, secondo cui dopo la cattura della fabbrica dell'Arsenale di Kiev da parte dei cosacchi di Petliura, avvenuta il 20 gennaio (2 febbraio) 1918, una colonna di operai catturati fu fatta marciare all'esterno, guidata da "Ievguenia Bosch che camminava con orgoglio". Infatti, è documentato che nel gennaio 1918 Yevgenia Bosch si trovava a Kharkiv, dove aveva sede il primo governo sovietico dell'Ucraina - il Segretariato del Popolo, di cui era membro. Durante l'insurrezione del gennaio 1918 a Kiev parteciparono le figlie di Ievguenia, Olga e Maria Bosch. Insieme ad altre donne bolsceviche, portarono cibo e medicine ai ribelli, ma non furono catturate e non poterono guidare la colonna di operai dell'arsenale. Ovviamente, gli ufficiali e i generali della Repubblica Popolare Ucraina dell'epoca consideravano un grande onore combattere contro la stessa Yevgenia Bosch. Oggi può essere considerata una curiosità il fatto che la prima edizione dell'Enciclopedia degli Studi Ucraini la definisca "attivista bolscevica di origine ebraica". Anche se nell'ultimo volume supplementare è stato corretto in "tedesco".

Chi era Yevgenia Bosch? La cosa più strana è che persino i libri di testo e le enciclopedie sovietiche non amavano nominarla. Oggi, tra gli storici, c'è l'opinione che Bosch sia stato vittima di una "discriminazione storiografica di genere". Ma credo che la ragione sia ben diversa. È sempre stata una di quelle che aveva una propria posizione e non ha mai avuto paura di difenderla, anche se questa posizione contraddiceva le opinioni di Lenin o di altri leader del partito bolscevico. Fortunatamente, prima di morire nel 1925, Yevgenia Bosch riuscì a scrivere un libro di memorie sulla rivoluzione in Ucraina intitolato "Anno di lotta" e diverse lettere autobiografiche alle figlie, che furono pubblicate nel 1990, un anno prima del crollo dell'URSS.

Così, l'11 (23) agosto 1879, nel villaggio di Adragioli, distretto di Odessa, provincia di Kherson, nella famiglia di un proprietario terriero, il tedesco Gottlieb Meisch, originario del Württemberg, e di una nobildonna moldava, Maria Krusser, nacque una figlia di nome Eugenia. Tuttavia, come lei stessa scrive nella sua autobiografia, è nata nella città di Ochakiv, nella stessa provincia di Kherson, anche se nei documenti della gendarmeria il luogo di nascita è indicato come il villaggio di Adragioli. Gotlib Meisch lavorava da tempo come meccanico nelle tenute dei proprietari terrieri della regione di Kherson. Comprò 150 acri di terra e iniziò a farsi chiamare Bohdan Maish. A tutti i suoi figli furono dati nomi locali: Nadiia, Oleksandr, Fedir, Yevhenia. L'ultima aveva nemmeno dieci anni quando il padre morì. Un anno dopo, la madre sposò in seconde nozze il fratello Fedir Maish, cosicché la proprietà terriera rimase alla famiglia Maish. Il suocero era un uomo ricco, aveva 1000 acri di terra, ma considerava i figli del primo matrimonio come bocche in più. Non sorprende che all'età di 16 anni Yevgenia abbia sposato il proprietario di una piccola carrozzeria nella città di Voznesensk, nella provincia di Kherson, Petro Bosch. Nel 1897 Eugenia Bosch diventa madre: nasce la figlia Olga e, un anno dopo, la seconda figlia Maria.

"Beh, mi piacciono gli estremi! E io stessa sono l'incarnazione degli estremi, non solo non faccio nulla a metà, ma faccio sempre troppo" - questa frase tratta dalla sua lettera autobiografica potrebbe diventare il motto dell'intera vita di una rivoluzionaria professionista e madre di due figli. Come è riuscita a combinare questi due ruoli sociali rimanendo una donna? Nel 1901 aderisce all'RSDLP e presto si unisce alla sua fazione bolscevica. Dopo aver divorziato dal marito e aver lasciato i figli con lei, si impegnò attivamente nel lavoro clandestino del partito e, nel 1911, divenne segretaria del comitato di Kiev dell'RSDLP. Nel 1912 fu arrestata e ben presto, nonostante avesse contratto la tubercolosi in carcere, fu condannata all'esilio a vita in Siberia.

Nel 1914, mentre si trovava in esilio nella provincia di Irkutsk, contrasse un matrimonio civile con il bolscevico di Kiev Georgy Pyatakov, più giovane di lei di 11 anni, di cui si innamorò perdutamente. Insieme sono fuggiti attraverso Vladivostok in Giappone, da lì negli Stati Uniti e poi in Svizzera e Norvegia. Nella primavera del 1917 entrambi tornarono in Russia. Georgy Pyatakov divenne presidente del comitato di Kiev dell'RSDLP(b) e nel novembre 1917 si recò a Pietrogrado, dove fu nominato dal Consiglio dei commissari del popolo commissario della Banca di Stato della Russia sovietica.

Nell'estate del 1917, Yevgenia Bosch divenne presidente del comitato regionale del RSDLP (b) del territorio sud-occidentale, e a novembre fu eletta deputata della provincia di Chernihiv nell'Assemblea Costituente di tutta la Russia. Nel dicembre 1917 diresse il comitato principale della RSDLP (b) - Socialdemocrazia dell'Ucraina, fu tra gli organizzatori del primo Congresso dei Soviet dei Deputati dei Lavoratori e dei Soldati di tutta l'Ucraina a Kiev e trasferì la sua ala sinistra a Kharkiv, dove fu proclamato il potere sovietico nella Repubblica Popolare Ucraina e fu eletto il primo governo sovietico ucraino - il Segretariato del Popolo. Yevgenia Bosch è diventata Segretaria del popolo (Ministra) degli Affari interni. Si decise di non eleggere un capo della Segretariato del Popolo. Come ricorda l'amministratore di questo governo, in seguito noto come leader del gruppo federalista, Georgy Lapchinsky, ella "ci impressionò per la sua erudizione, la forza della sua intelligenza, la sua abilità oratoria e il suo temperamento rivoluzionario", essendo allo stesso tempo una persona veramente europea. Sebbene Yevgenia Boschgodesse della massima autorità, "in un certo senso sarebbe stato troppo insolito mettere una donna a capo del primo governo socialista dell'Ucraina, dovevamo tenere conto dell'impressione che avrebbe fatto sulle masse". Tuttavia, uno dei protocolli di questo governo afferma che "il Segretario del Popolo per gli Affari Interni unificherà il lavoro del Segretariato". In realtà, fu Ievguenia Bosch a tenere le riunioni fino al marzo 1918, quando Mykola Skrypnyk fu eletto capo del governo.

È ormai comunemente accettato dagli storici che l'intero governo fosse solo un'appendice del quartier generale di Vladimir Antonov-Ovsiyenko, il commissario del popolo per la controrivoluzione nella Russia meridionale. Lo stesso Antonov-Ovsienko aveva un'opinione leggermente diversa. Nelle sue "Note sulla guerra civile" leggiamo: "Compagno. Yevgenia Bosch, divenuta Segretario del Popolo per gli Affari Interni dell'Ucraina, ha ordinato, senza alcun accordo preventivo con me, di licenziare i commissari da me nominati". Inoltre, Bosch riferì l'arbitrarietà di Antonov a Lenin, che fu costretto a rimettere Antonov al suo posto: "Compagno. Antonov! Ho ricevuto un reclamo contro di lei dal CEC (Kharkiv). Sono estremamente dispiaciuto che la mia richiesta di spiegazioni non vi abbia raggiunto. Vi prego di contattarmi al più presto (per filo diretto - uno o due, via Kharkiv)... Per l'amor di Dio, fate del vostro meglio per eliminare qualsiasi attrito con il CEC (Kharkiv). Si tratta di un archivio in termini di stato. Per amor di Dio, fate pace con loro e riconoscete la loro sovranità. Vi chiedo di revocare i commissari che avete nominato", scrive Lenin il 21 gennaio 1918.

Il punto di vista di Yevgenia Bosch sulla questione nazionale e sulla questione ucraina in particolare è generalmente descritto nella letteratura storica come "lussemburgismo". Infatti, anche in esilio nel 1915-1916, insieme a Georgy Pyatakov e Nikolai Bukharin, sostenne la posizione di Rosa Luxemburg nel suo dibattito con Lenin sul diritto delle nazioni all'autodeterminazione. Vi ricordo che Rosa Luxemburg considerava questo slogan errato e addirittura dannoso per il proletariato e vantaggioso solo per la borghesia, perché, dicono, sotto l'imperialismo l'autodeterminazione delle nazioni è impossibile, e sotto il socialismo l'oppressione nazionale scompare da sola, quindi questo slogan è superfluo. Nei suoi articoli polemici del 1915-1916, Lenin dedicò molte pagine alla critica di questi punti di vista, dimostrando il loro completo fallimento teorico e pratico e sottolineando il grande potenziale rivoluzionario dei movimenti di liberazione nazionale in tutto il mondo, soprattutto quelli coloniali. In effetti, la storia del XX secolo ha confermato la correttezza di Lenin a questo proposito.

In particolare, al primo congresso regionale dei bolscevichi ucraini, tenutosi a Kiev il 3-5 (16-18) dicembre 1917, il presidente del comitato regionale dei bolscevichi del territorio sud-occidentale Yevgenia Bosch disse: "Nell'era del capitale finanziario, il movimento nazionale cessa di essere rivoluzionario. Cessa di essere popolare. In Ucraina non è popolare. Prima del rovesciamento dello zarismo, non si è quasi manifestata... Non appena l'oppressione nazionale è caduta, la borghesia ha iniziato a lottare per la liberazione nazionale. Ma non per obiettivi rivoluzionari, bensì per il desiderio di continuare la propria politica di classe. La borghesia ucraina è sotto l'influenza della borghesia russa che, espulsa dalla Russia sovietica, si sta dirigendo verso l'Ucraina e, con il pretesto della liberazione nazionale, cerca di dividere il proletariato ucraino. Questa è la politica della borghesia imperialista in tutta Europa... L'Ucraina non può esistere come Stato separato nel sistema capitalista".

Queste opinioni furono espresse molto chiaramente nell'opuscolo di Yevgenia Bosch "Governo nazionale e potere sovietico in Ucraina", pubblicato all'inizio del 1919 a Mosca:

"La tragedia dell'Ucraina nella nostra epoca di feroce lotta di classe, di trasformazione socialista e alla vigilia della rivoluzione mondiale è la tragedia di tutte le piccole nazioni. Nel momento in cui l'onda della rivoluzione proletaria travolge la classe operaia dei popoli oppressi, la borghesia e gli sciovinisti sociali hanno tentato e tentano tuttora - Ucraina, Finlandia, Lettonia, eccetera - di disturbare il movimento proletario fomentando l'idea nazionale, l'idea della loro nazione, che storicamente appartiene solo a questo popolo. - per disturbare il movimento proletario fomentando l'idea nazionale, l'idea del loro nazionale, che storicamente appartiene solo a questo popolo.
...La Rivoluzione russa, che ha rovesciato la borghesia e ha compiuto il primo gigantesco passo verso la trasformazione socialista della società, ha trovato una forte risposta nelle masse lavoratrici di tutte le nazioni oppresse che vivono alla periferia, uccidendo così l'idea di un'unificazione nazionale dei popoli. Avendo sperimentato l'autocrazia insieme al proletariato russo, avendo rovesciato insieme Kerensky e avendo infine combattuto insieme per il potere sovietico, il proletariato della periferia si è legato strettamente all'intero movimento rivoluzionario russo. Non ha compiti specifici estranei al proletariato russo, è indissolubilmente legato ad esso da un unico irresistibile desiderio di fondersi con la Russia sovietica".

Come si vede, l'autrice considera qui l'Ucraina esclusivamente come periferia della Russia. Tuttavia, è caratteristico che associ ad essa la Finlandia e la Lettonia, paesi che avevano appena ottenuto l'indipendenza dall'Impero russo e nei quali si era tentato di instaurare il potere sovietico. Stepan Velychenko ritiene che le opinioni di Yevgenia Bosch fossero identiche a quelle di monarchici e nazionalisti russi come Sergei Shchogolev, autore del libro "Il movimento ucraino come fase moderna del separatismo russo meridionale" (1912). Infatti, se confrontiamo le sue opinioni con quelle dei suoi contemporanei, vale la pena notare che, a differenza dei nazionalisti russi dell'epoca e dei leader del movimento bianco, non usa i termini "Piccola Russia" e "Novorossia", ma riconosce che gli ucraini si sono formati pienamente come popolo distinto, nonostante i tentativi di sopprimere il loro sviluppo nazionale da parte dell'autocrazia russa fino al 1917-18. Inoltre, le loro posizioni di partenza erano molto diverse. Yevguenia Bosch non era guidata dagli interessi della Russia, ma da quelli della rivoluzione mondiale.

Persino Rosa Luxemburg, che scrisse il suo famoso "Manoscritto sulla rivoluzione russa" in una prigione tedesca nell'autunno del 1918, negò categoricamente l'esistenza di un popolo ucraino distinto:

"Il nazionalismo ucraino in Russia era, ad esempio, completamente diverso dal nazionalismo ceco, polacco o finlandese, nient'altro che un capriccio, un capriccio di poche decine di intellettuali piccolo-borghesi, senza radici nelle relazioni economiche, politiche o spirituali del paese, senza tradizione storica, perché l'Ucraina non è mai stata una nazione o uno stato, senza cultura nazionale, ad eccezione delle poesie romantiche reazionarie di Shevchenko. Come se gli abitanti di Wasserkant, seguendo Fritz Reuter, volessero formare una nuova nazione della Bassa Germania e creare uno stato indipendente un bel mattino!"

Yevguenia Bosch non poteva certo permettersi una simile miopia. Tuttavia, la sua posizione all'epoca, plasmata dalle idee di Rosa Luxemburg, che Lenin chiamava economismo imperialista, conteneva molte contraddizioni. Se i popoli ucraino e russo si erano già costituiti come nazioni separate, perché considerava i confini nazionali tra loro artificiali e innaturali? Se gli operai e i contadini dell'Ucraina volevano solo l'unificazione con la Russia sovietica, perché era necessario creare un governo sovietico ucraino separato?

image

In realtà, come ha notato il già citato Heorhiy Lapchynsky, il lavoro stesso di questo governo ha costretto i suoi membri, tra cui Yevguenia Bosch, a verificare e adattare le proprie opinioni nella pratica. Le lingue ufficiali dei documenti del Segretariato del Popolo erano l'ucraino e il russo. Sono state conservate le circolari del Segretario del Popolo per gli Affari Interni, Eugenia Bosch, indirizzate ai Soviet locali dei Deputati degli Operai, dei Soldati e dei Contadini, scritte in ucraino. È possibile immaginare che questo possa essere stato fatto dai governi di Denikin o di Wrangel?

Va inoltre sottolineato che Yevgenia Bosch è stata in grado di ammettere i propri errori. Ad esempio, per protestare contro la conclusione del trattato di pace di Brest con la Germania da parte del governo della Russia sovietica guidato da Lenin, il 4 marzo 1918 Bosch si dimise dal suo incarico nel Segretariato del popolo e si offrì volontaria per andare al fronte contro l'avanzata delle truppe austro-tedesche. Come altri comunisti di sinistra che la pensano allo stesso modo. Dopo diversi mesi di intensi combattimenti, le truppe sovietiche si ritirarono in Russia. Fu lì, nell'estate del 1918, che Yevgenia Bosch riconobbe pubblicamente il suo errore sulla pace di Brest.

Poi, nell'agosto del 1918, su richiesta dei suoi compagni, iniziò a scrivere un pamphlet intitolato "Governo nazionale e potere sovietico in Ucraina". Nel 1922, in una lettera alle figlie, Yevgenia Bosch ricorda:

"Quando ho riletto quello che avevo scritto, ho visto la necessità di una seria revisione e ho deciso, dopo averlo finito in forma di bozza, di rifarlo tutto. Ma gli eventi non si fecero attendere. Una volta Sverdlov mi convocò nel suo ufficio e mi disse che dovevo andare a Penza per combattere il dominio e il banditismo dei socialisti rivoluzionari"...
"Tre giorni dopo sono partita e la mia bozza di lavoro è stata stampata: forse non sarebbe stato molto buono, ma in bozza era assolutamente pessimo, e non invano i miei stessi collaboratori mi rimproverarono".

Questo opuscolo è stato fortemente criticato nel primo numero del giornale "Comunista ucraino". Nella recensione firmata da G.K. (probabilmente Hryhoriy Klunnyi), l'autrice viene accusata di barbarie, visione burocratica della vita, ignoranza della questione nazionale e sciovinismo da grande potenza. Probabilmente, le stesse accuse (anche se con basi più solide) potrebbero essere rivolte ai leader bolscevichi dell'Ucraina del 1919 - Heorhiy Pyatakov e Khrystian Rakovsky, come Vasyl Shakhrai e Serhiy Mazlakh all'inizio del 1923. Ma a differenza loro, i bohraisti cercavano di raggiungere un accordo con la leadership del Comitato Centrale del PC (B) U, quindi i leader effettivi del partito bolscevico non furono criticati così fortemente. E Ievguenia Bosch, nonostante le sue numerose richieste, non è mai stata autorizzata dal comitato centrale del Partito comunista russo (B) a lavorare in Ucraina.

Nel 1918 guidò l'RCP (b) a Penza e ad Astrakhan, nella primavera del 1919 fu membro del Consiglio di Difesa della RSS lituano-bielorussa e successivamente ricoprì diversi incarichi minori nei commissariati popolari dell'istruzione, dell'alimentazione e dell'ispezione operaia e contadina della RSFSR. Ma Yevgenia Bosch non riuscì a integrarsi nella nuova élite al potere, che in seguito sarebbe stata chiamata nomenklatura. Come scrive nelle sue lettere autobiografiche, sentiva ovunque la formazione di un certo gruppo di interesse speciale della nuova burocrazia, che adottava le peggiori tradizioni della vecchia burocrazia russa insieme ai nuovi metodi dello "Stato commissario". Notò questi tratti anche nella sua sorellastra (da parte di madre) - Olena Rozmyrovych (figlia di Fyodor Maish), che riuscì a fare carriera nel partito e a vivere fino al 1953.

Poco prima di morire, Yevgenia Bosch scrisse nel suo libro "Anno di lotta": "La questione più importante per l'Ucraina, la sua emancipazione nazionale, è rimasta nell'ombra e non è stata pensata non solo dal comitato di Kiev, ma anche dal comitato delle regioni. Il punto del nostro programma sul diritto delle nazioni all'autodeterminazione fino alla separazione è rimasto una mera parola d'ordine, e il comitato non aveva un programma pratico che indicasse le forme di lotta delle masse rivoluzionarie in un paese oppresso che lotta per la propria liberazione nazionale". E vede questo libro come "il primo passo nella raccolta di materiale sul 1917-1918... per il futuro storico dell'Ucraina". È interessante notare che, anche nell'edizione del 1990, la suddetta osservazione di Yevgenia Bosch era accompagnata da una nota dell'editore: "L'autrice si sbaglia. La questione della liberazione nazionale dell'Ucraina non era una priorità, ma un derivato della questione prioritaria della vittoria della rivoluzione socialista, l'instaurazione del potere sovietico in Ucraina".

Nella letteratura storica recente, il nome di Yevgenia Bosch è spesso associato al Terrore Rosso, in quanto fu uno dei destinatari del famoso telegramma di Lenin a Penza dell'11 agosto 1918. Tuttavia, Viktor Kondrashin, uno dei principali storici di Penza che si occupano della guerra civile, ha dovuto ammettere l'anno scorso nella sua corrispondenza con noi che non esistono prove attendibili della partecipazione personale di Eugenia Bosch al Terrore Rosso nella provincia di Penza (in particolare, è stata accusata di aver sparato lei stessa ai contadini nel villaggio di Kuchki).

Un po' di più sulla sua famiglia. Le sue due figlie, Maria e Olga, aderirono al partito bolscevico nell'estate del 1917. La maggiore Olga divenne moglie di un bolscevico, il figlio del famoso scrittore ucraino Yuri Kotsyubynsky. Dopo l'arresto e la condanna nel 1935 come leader della "cospirazione trotskista", Olga Bosch-Kotsyubynska si trasferì a Khabarovsk, dove lavorava la sorella, ma le polizia politica del NKVD la raggiunse anche lì. Nel 1937 fu arrestata e condannata a cinque anni di gulag, più altri tre anni. Yurii Kotsiubynskyi fu fucilato lo stesso anno come "nemico del popolo".

È interessante notare che nel caso dell'indagine su Yurii Kotsiubynskyi, ci sono "prove" della partecipazione alla sua "cospirazione" della suocera - Yevguenia Bosch (cito in lingua originale):

"Essendo il vicepresidente del Consiglio dei Commissari del Popolo dell'Ucraina, il figlio del famoso scrittore Kotsyubynsky è sposato con la figlia di Yevgenia Bogdanovna Bosch - Olga Petrovna. Kotsyubinsky partecipò attivamente agli intrighi di Bosch, che stava preparando un colpo di Stato a favore di Trotsky. La cospirazione coinvolgeva Pyatakov, Kotsyubinsky, Primakov, Antonov-Ovsiyenko. Il piano prevedeva l'arresto dei membri del Politburo e il rovesciamento del triumvirato: Stalin, Zinoviev, Kamenev. Dopo il rifiuto di Trotsky, Bosch si suicidò e gli altri membri furono inviati all'estero: Antonov-Ovsiyenko a Varsavia, Primakov come istruttore nell'esercito di Chiang Kai-shek, dove lavorò con il nome di Ei Lin".
image

Naturalmente, oggi, conoscendo i metodi di lavoro dell'NKVD, è difficile credere all'esistenza di questa cospirazione. Ma non c'è dubbio che Yevgenia Bosch abbia davvero sostenuto l'opposizione di sinistra all'interno del Partito comunista russo (PCR-b) nella lotta contro la cricca stalinista. Nel 1923, quando era già gravemente malata (gli anni di prigione e di esilio avevano lasciato il segno), Bosch firmò la "Dichiarazione dei 46", il primo documento programmatico dell'opposizione di sinistra. Il suo suicidio, avvenuto il 5 gennaio 1925 (si dice che dalla guerra civile Bosch dormisse sempre con una rivoltella sotto il cuscino), fu visto dall'opposizione di sinistra come una protesta contro l'instaurazione dello stalinismo.

Confrontando Yevgenia Bosch con i successivi leader bolscevichi dell'Ucraina, si possono notare caratteristiche comuni e distintive. A differenza dei successivi leader dell'Ucraina sovietica, non fu inviata o nominata dal Comitato centrale del  PCR(b), ma fu eletta come leader dai bolscevichi locali. Anche Mykola Skrypnyk, successore di Yevguenia Bosch alla guida del Segretariato del Popolo, arriva in Ucraina alla fine di dicembre 1917 (vecchio calendario) con il mandato del Comitato Centrale del PCR(b).

La permanenza alla guida del governo sovietico ucraino costrinse molti dei suoi membri, non immediatamente ma gradualmente, a preoccuparsi degli interessi dell'Ucraina e a riconoscere la falsità delle posizioni centraliste e il totale disinteresse per la questione nazionale e il movimento di liberazione nazionale del popolo ucraino. Un esempio tipico è quello di Christian Rakovsky. Inviato in Ucraina nel gennaio 1919 dal Comitato centrale del PCR(b), iniziò come un rigido centralista che negava le differenze tra Ucraina e Russia, negava la necessità della lingua ucraina. Nel 1922-1923, durante le discussioni con Stalin per la formazione dell'URSS, difese strenuamente gli interessi dell'Ucraina e i suoi diritti sovrani, per cui fu chiamato "confederato" e alla fine fu richiamato dall'Ucraina. Yevguenia Bosch non divenne una "confederata", ma l'evoluzione delle sue opinioni verso il riconoscimento dell'Ucraina come paese separato è ancora evidente nelle sue opere e il suo contributo alla formazione dello Stato sovietico ucraino è innegabile.