La macchina russa per la propaganda di guerra: Dialog, l’organizzazione dietro alla disinformazione del Cremlino sull’Ucraina

di Meduza

Nel 2019, le autorità di Mosca hanno creato Dialog, un'organizzazione senza scopo di lucro promossa come un mezzo per migliorare la comunicazione tra i cittadini e il governo. Il progetto ha avuto un tale successo che è stato presto esteso ad altre regioni della Russia. L'anno successivo, Dialog e le sue branche regionali sono diventate un elemento cruciale nella campagna delle autorità russe per modificare la Costituzione e "resettare" il mandato di Putin. Due anni dopo, quando l'invasione su larga scala dell'Ucraina voluta dal Cremlino si è protratta più a lungo del previsto, Dialog ha dimostrato ancora una volta di essere uno strumento essenziale del governo: l'organizzazione impiega ora una vasta rete di popolari canali Telegram e più di 100 mila pagine sui social media per diffondere storie fittizie volte a screditare l'Ucraina. In una nuova inchiesta, i giornalisti di Meduza, iStories e The Bell hanno analizzato il background di Dialog e il team di "pseudo-hipster" dietro alla sua campagna di disinformazione bellica.

Il 24 febbraio 2022, la giornalista Yulia Eidel è uscita sul balcone del suo appartamento, al quinto piano a Dnipro, e ha sentito delle esplosioni in lontananza: l'esercito russo stava bombardando un aeroporto vicino. All'interno dell'appartamento, i tre figli di Eidel - di cinque, sette e 17 anni - stavano dormendo.

All'inizio, ricorda Eidel, non aveva idea di cosa fare. Alla fine ha deciso di portare i figli da alcuni amici di famiglia in campagna, pensando che lì la situazione sarebbe stata più tranquilla. A quel tempo, racconta, molti ucraini credevano ancora che "tutto questo orrore" potesse essere fermato se "una massa critica di persone sane di mente in Russia" si fosse semplicemente impegnata a sufficienza. Così si è messa a cercare persone compatibili con quell'idea nel gruppo di chat Telegram dei suoi compagni di corso del dipartimento di giornalismo dell'Università Statale di Mosca, dove si è laureata nel 2008.

Dopo essere arrivata in un tranquillo villaggio, due giorni dopo l'inizio della guerra, ha scritto nella chat: "probabilmente sapete, anche se forse lo avete dimenticato, che sono originaria dell'Ucraina. Tutto questo sta accadendo a me in questo momento". Insieme al messaggio ha allegato dei link a notizie dei media ucraini. La sua intenzione era dire: "Questa sono io. Mi conoscete bene. Questo è ciò che sta accadendo. Cerchiamo di trovare una soluzione insieme. Perché cazzo ve ne state in silenzio?".

Alcuni compagni di classe di Eidel hanno risposto con messaggi di solidarietà, mentre quattro persone hanno scritto che "la situazione non è così semplice", mentre una donna le chiede di non "trasformare la chat in un gruppo incentrato sulla guerra".

Più tardi, un altro compagno di classe di Eidel, un uomo di nome Vladimir Tabak, si è collegato scrivendo una sola parola: "Buonasera". Qualcun altro ha risposto: "Bene, ci siamo". Eidel ha così iniziato a sentirsi "come se il lupo fosse comparso nella fiaba".

Manda un messaggio privato a una compagna di classe, chiedendole perché gli altri abbiano risposto in quel modo a Tabak. "Oh, ma lui è una delle persone che monitorano i gruppi e le pagine dei social media e segnalano chi va bloccato e chi dovrebbe ricevere supporto", risponde la donna.

Il cirripede

Vladimir Tabak, giornalista registrato in Russia e a capo della "organizzazione autonoma senza scopo di lucro" (ANO) Dialog, pro-Cremlino, si è imposto all'attenzione del pubblico per la prima volta nel 2010, con la pubblicazione di un calendario contenente fotografie di studentesse di giornalismo dell'Università Statale di Mosca (MSU) in lingerie. Il calendario fu creato in onore del 58° compleanno dell'allora primo ministro Vladimir Putin.

L'uscita del calendario venne annunciata sul blog della propagandista Kristina Potupchik, all'epoca addetta stampa del movimento giovanile filocremlino Nashi. Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, definì il calendario "un'iniziativa di questa signora", riferendosi a Potupchik, ma ben presto fu chiaro che si trattava di un'idea del suo caro amico Vladimir Tabak, un neolaureato del programma di giornalismo della MSU che era anche a capo di un "gruppo creativo che realizza progetti Internet sotto l'amministrazione presidenziale". (Non è chiaro quali attività abbia svolto questo gruppo e per quanto tempo sia esistito).

Diversi ex compagni di classe di Tabak ascoltati per l’inchiesta lo definiscono un "ragazzo ricco" e un "fannullone". Una di loro, la giornalista e attivista femminista Nastya Krasilnikova, lo descrive come un "personaggio viscido":

Per tutti i cinque anni in cui io e Tabak abbiamo studiato insieme alla facoltà di giornalismo, si è fatto notare. Aveva un aspetto appariscente, indossava sempre abiti appariscenti, ma non partecipava a molte attività del dipartimento.
Ancora oggi ricordo il mio disgusto quando uscì il calendario con le studentesse. Mi sembrò molto strano che così tante donne avessero accettato di farne parte, ma il fatto che ci fosse Tabak dietro non mi sorprese affatto.

Come studente, Tabak trascorreva molto tempo nei locali notturni, dicono i suoi compagni di classe. "Le studentesse che ha fotografato per il calendario erano le ragazze che lo circondavano. Era sempre appassionato di queste cose: macchine, cocktail, feste al Pacha che duravano tutta la notte", racconta una persona che ha frequentato la sua università.

All’epoca Tabak si vantava di aver venduto l'idea di un calendario erotico a Vladimir Surkov, che ricopriva il ruolo di vicecapo dell'amministrazione presidenziale russa. Surkov, che era anche la mente di "Nashi", era stato presentato a Tabak da Kristina Potupchik.

"Vladimir non aveva alcuna riserva sul suo calendario per l'amministrazione [Putin]. Non gli importava nulla del dipartimento di giornalismo - capiva che non ci sarebbero state conseguenze da parte loro. Poi il calendario è uscito e la preside Vartanova è inorridita, ma non poteva fare nulla al riguardo - aveva le mani legate", ha detto uno degli ex compagni di classe di Tabak.

Secondo Tabak, la chiave per una carriera di successo era trovare un "pesce grosso" e "aggrapparsi a lui", come un cirripede. Una fonte che ha lavorato con lui in passato ha detto che il primo "pesce grosso" a cui si è aggrappato è stato Vladimir Surkov. Poi c'è stato Sergey Kiriyenko, che attualmente ricopre il ruolo di primo vicecapo di gabinetto dell'amministrazione Putin. Essendo "uno dei collaboratori di Surkov", ha spiegato la fonte, Tabak è stato "ereditato da Kiriyenko e ha fatto carriera sotto di lui".

Ce n’è per tutti i gusti

La carriera di Vladimir Tabak sotto Kiriyenko è iniziata nel 2019, quando è diventato vicedirettore di Dialog, un'organizzazione no-profit guidata all'epoca da Alexey Goreslavsky, l'ex vicedirettore del team per i progetti pubblici dell'amministrazione presidenziale. In breve, Goreslavsky era il responsabile Internet del Cremlino. Due anni dopo la nomina di Tabak, Goreslavsky ha lasciato Dialog per dirigere l'Internet Development Institute e Tabak ha preso il suo posto.

Dialog è stato lanciato come un modo per le autorità di Mosca di utilizzare Internet per comunicare efficacemente con i cittadini. In breve tempo, l'organizzazione ha aperto agenzie analoghe in tutto il paese, ognuna delle quali è stata definita "centro di governance regionale" (RGC). In realtà, secondo le fonti che hanno parlato con il sito di inchieste Proekt, lo scopo iniziale di Dialog era quello di diffondere la propaganda a favore degli emendamenti costituzionali della Russia nell'estate del 2020.

Pochi mesi dopo la creazione di Dialog, è scoppiata la pandemia COVID-19 e le autorità russe hanno trovato un nuovo impiego per l'organizzazione. In breve tempo, il progetto si è trovato a dover tenere informati i cittadini sulla situazione della salute pubblica e il sito StopCoronavirus.rf lanciato da Dialog (ma l'organizzazione nega di averlo fatto), è diventato la principale fonte di dati sulle infezioni da COVID-19 per il pubblico. Oltre alle informazioni sulla salute pubblica, Dialog ha pubblicato anche contenuti originali, tra cui fumetti, meme e video TikTok.

All'apice della pandemia, le autorità hanno deciso di procedere con il referendum sugli emendamenti alla Costituzione. Dialog ha immediatamente iniziato a diffondere il messaggio che le persone non dovevano temere il coronavirus e che avevano il dovere di votare. "La campagna per la Costituzione prevedeva diverse narrazioni. Una era che il voto sarebbe stato sicuro: ci sarebbero stati sette giorni per esprimere il proprio voto, in modo da evitare la folla. Hanno anche promosso l'idea che si trattasse di vero patriottismo e che l'obiettivo fosse quello di consolidare la società", racconta un ex dipendente di Dialog.

Una fonte che lavora per un importante canale Telegram anonimo di informazione ha raccontato come, prima dell'inizio delle elezioni, sia stato avvicinato da Pavel Popereshnichenko, dipendente di Dialog. Popereshnichenko gli avrebbe offerto denaro in cambio della pubblicazione di una serie di video che pubblicizzavano gli emendamenti come "misura necessaria" per sconfiggere il COVID-19. La fonte ha rifiutato l'offerta, ma ha iniziato presto a vedere clip simili su altri canali Telegram, oltre che su YouTube e su pagine a carattere regionale (di questi video si è occupato il sito Mediazona).

Secondo i documenti interni di Dialog visionati, l'organizzazione ha anche utilizzato inserzioni mirate per diffondere messaggi a favore degli emendamenti proposti. Per gli utenti "preoccupati per la legittimità delle elezioni", ad esempio, sono stati pubblicati post su come il voto sarebbe stato supervisionato da osservatori elettorali. I proprietari di animali e gli animalisti hanno visto annunci che sottolineavano la possibilità di portare i cani alle urne. Per gli elettori religiosi, infine, un annuncio proclamava che "Con l'aiuto divino, Dio tornerà nella Costituzione!". Il post segnalava che le suore del convento Alekseyev-Akatov di Voronezh avevano già votato.

La votazione si è tenuta il 1° luglio. Secondo i dati ufficiali, più del 78% degli elettori (con un tasso di affluenza del 65%) ha votato a favore degli emendamenti - e, di conseguenza, per un "reset" dell'orologio del mandato presidenziale di Putin. Per celebrare la fine della campagna mediatica di successo, Sergey Kiriyenko in persona ha fatto visita all'ufficio di Dialog.

Un’organizzazione efficiente

Nell'estate del 2020, Dialog si è divisa in due entità. L'ente "madre" è rimasto sotto la supervisione del dipartimento informatico del governo di Mosca, mentre è stata creata una filiale separata per lavorare con le regioni della Russia. Nel 2022, più di 2500 persone lavoravano per Dialog Regions, che ha ricevuto più di 6,5 miliardi di rubli (più di 66 milioni di euro) dal Ministero dello Sviluppo digitale. (A titolo di confronto, l'organizzazione madre ha ricevuto solo 1,8 miliardi di rubli, pari a circa 17,6 milioni di euro, nel 2022). Entro il 2024, le autorità russe prevedono di stanziare circa 24 miliardi di rubli (243 milioni di euro) per Dialog Regions.

Ufficialmente, Dialog Regions ha due scopi. Il primo è quello di supervisionare le pagine ufficiali dei social media dei governatori russi, dei governi delle città, dei ministeri regionali, delle scuole e di altri enti pubblici e strutture governative. I dipendenti dell'organizzazione insegnano ai funzionari e ai politici regionali come creare account sui social media, ottenere follower e rispondere ai commenti, oltre a indicare loro che tipo di contenuti pubblicare. Alla fine del 2022, secondo il ministero dello Sviluppo Digitale, la Russia aveva 130 mila "pagine di social media statali". Tabak ha dichiarato che il 50% degli utenti internet russi legge queste pagine.

I giornalisti che hanno lavorato a questa inchiesta hanno studiato le raccomandazioni di Dialog per la gestione delle pagine ufficiali delle scuole sui social media. Le raccomandazioni consigliano agli amministratori di assicurarsi che "i contenuti riguardino aggiornamenti regolari delle operazioni scolastiche che siano significativi e rilevanti per il pubblico di riferimento", ma avvertono anche di "non dimenticare l'agenda federale". Allo stesso tempo, secondo la guida, le pagine scolastiche dovrebbero pubblicare notizie sulle decisioni prese dal presidente e dal governo, sul lavoro del governatore della regione, sui risultati ottenuti dalla Russia in campo scientifico e sportivo e sugli "eventi patriottici".

Gli “pseudo hipster”

Descrivendo il secondo ambito di attività di Dialog, il vicegovernatore di una delle regioni russe ha detto che il suo compito è quello di "monitorare tutti i social network per individuare i casi di indignazione pubblica".

quando una recinzione non viene dipinta, un albero copre la finestra di qualcuno, le strade non vengono riparate, qualcuno ha problemi a ricevere le medicine e così via. I funzionari esaminano se il problema può essere affrontato o meno, inviano richieste ai ministeri competenti e collaborano con le autorità per stabilire le scadenze per la risoluzione del problema.

Il politico, che ha accettato di parlare dietro anonimato, ha elogiato il lavoro di Dialog: "A mio parere", ha detto, "è una manna dal cielo, è estremamente efficace".

Grande idea aver creato questo sistema. Sono cose che aumentano la fiducia del pubblico nelle autorità di almeno il 30%. Quando una persona vive nello squallore, vede che non cambia nulla e nessuno si preoccupa per lei, prova un certo fastidio nei confronti delle autorità. Se il governo comincia a rispondere alle richieste, ad agire e a risolvere i suoi problemi, quella persona avrà una maggiore considerazione delle autorità.

Un dipendente di una grande azienda russa che ha lavorato con Dialog concorda sul fatto che i "centri regionali" hanno un ruolo positivo:

A un certo punto, l'amministrazione presidenziale si è resa conto che doveva iniziare a lavorare correttamente nelle regioni perché altrimenti tutto sarebbe andato a rotoli. E hanno fatto una cosa piuttosto importante: ora, se qualcuno caga nelle scale del tuo appartamento, puoi inviare un reclamo al governatore attraverso un RGC. E l'RGC darà una lezione al governatore se non farà sparire la merda.Questo fa sì che la gente sia soddisfatta nelle regioni e che l'indice di gradimento delle autorità rimanga alto. Voglio dire, guardate il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin: potete anche odiarlo, ma non potete negare che le cose in città siano migliorate. E questo concetto, che se pulisci la merda e rendi le cose piacevoli per i residenti, allora non chiederanno cose come la libertà e la democrazia, funziona. Kiriyenko ne è ben consapevole.

Secondo una fonte che conosce diversi dipendenti di Dialog, Kiriyenko ha elogiato l'organizzazione in riunioni a porte chiuse, osservando che mentre le denunce alle RGC richiedevano due ore per essere affrontate, "ora sono solo 17 minuti". (Secondo i dati ufficiali di Dialog, le RGC impiegano in media fino a tre ore per esaminare i reclami).

Il sistema ha comunque i suoi difetti. Tra le altre cose, è probabile che non raggiunga i cittadini più anziani, molti dei quali non usano i social media. "Volevano lanciare una pubblicazione cartacea per il pubblico over 50, in modo che potessero inviare i loro reclami direttamente al giornale", ha detto una fonte vicina a una delle RGC. "Ma non se ne è fatto nulla, perché l'atmosfera al Dialog è più 'creativa'; in altre parole, tutti sono piuttosto rilassati. Alla fine l'idea è stata abbandonata".

Una fonte vicina al governo di San Pietroburgo ha dipinto un quadro simile dei dipendenti di Dialog: "Sono pseudo-hipster - e lo è anche Tabak. Il tipico dipendente ha questo aspetto: barba, sigaretta elettronica e scarpe da ginnastica bianche. Fannulloni".

Tuttavia, una fonte dell'amministrazione Putin ha dichiarato che gli "hipster con la barba e le scarpe da ginnastica bianche" rimangono utili alle autorità, aggiungendo che possono "amplificare qualsiasi conflitto sulle loro pagine dei social media". Ad agosto, ad esempio, un canale Telegram gestito da Dialog e chiamato Signal ha messo alla gogna il governatore della Khakassia Valentin Konovalov, membro del Partito Comunista, dopo che aveva irritato il Cremlino battendo un candidato del partito al potere Russia Unita.

Alla fine del 2022, Dialog aveva filiali in 93 regioni e distretti federali. La documentazione esaminata non menziona i territori occupati dell'Ucraina, ma un dipendente di Dialog ha dichiarato che i rappresentanti dell'organizzazione li hanno visitati più volte, compiendo anche viaggi a Donec'k e nella parte occupata della regione ucraina di Zaporižžja.

Una risoluzione governativa sulle regole per la fornitura di sussidi alle filiali regionali afferma che gli uffici dovrebbero monitorare i reclami e gli appelli nelle "Repubbliche popolari" autoproclamate di Donec'k e Luhans'k, nella regione di Zaporižžja e nella regione di Kherson. Inoltre, la stessa Dialog ha riferito di aver addestrato i dipendenti pubblici dell'amministrazione dell'occupazione a Mariupol a gestire gli account governativi sui social media.

Il giocattolo preferito di Kiriyenko

Secondo una fonte vicina all'amministrazione Putin, uno dei compiti principali delle RGC di Dialog è quello di promuovere le informazioni favorevoli al governo sui media tradizionali, sui social network e su Telegram. Ciò comporta la creazione di nuovi canali Telegram e l'acquisto di quelli esistenti, come ha dichiarato un ex dipendente di Dialog.

Dialog condivide anche post filogovernativi su Odnoklassniki, o "Compagni di classe", il servizio di social media più popolare tra gli anziani russi. Sono presenti post condivisi da Dialog, ad esempio, in un gruppo di Krasnodar chiamato "Consigli per te". Il gruppo conta circa 50 mila membri e consiste principalmente in consigli per la pulizia della casa, ad esempio su come combinare i colori della vernice nella propria abitazione o su come risparmiare nei negozi a prezzi stracciati. Inoltre, nel gruppo compaiono spesso post su Sergey Kiriyenko e sulle sue varie attività utili: ad esempio, il primo vicecapo di gabinetto di Putin controlla personalmente i prezzi dei prodotti alimentari nei territori occupati dall'Ucraina o aiuta a realizzare i desideri dei bambini per il nuovo anno.

La pagina è apparsa anche in un elenco di account che hanno contribuito a diffondere "notizie" sul presunto utilizzo da parte dell'Ucraina di armi vietate contro l'esercito russo. L'elenco contiene quasi 400 gruppi su VKontakteOdnoklassniki e Telegram.

Dialog funge anche da agenzia di sondaggi. "Per dimostrare che non solo siamo in grado di organizzare campagne mediatiche, ma anche di monitorarne i risultati", ha spiegato un dipendente.

In questo momento, l'agenzia sta conducendo un sondaggio su Internet tra "uomini d'affari della Repubblica Popolare di Donec'k". I risultati di questi sondaggi sono distorti: le risposte possono essere inviate da chiunque attraverso i link pubblicati sui siti web governativi e sulle pagine dei social media.

Nonostante ciò, i sondaggi sono molto richiesti, non solo dai vari ministeri che collaborano con Dialog, ma anche dal Cremlino. "Questo è il giocattolo preferito di Kinder: dati alternativi per il presidente", ha detto un alto funzionario regionale, riferendosi a Kiriyenko con il suo soprannome "Kinder" (abbreviazione di "Kinder sorpresa"), che gli è rimasto appiccicato da quando è diventato primo ministro all'età di 36 anni.

Secondo la fonte, Dialog conduce sondaggi su un'ampia varietà di argomenti, tra cui la fede e la religione, la NATO, le istituzioni governative russe e le relazioni tra Russia e Ucraina.

Dopo l'avvio dell'invasione da parte di Mosca, Dialog ha iniziato a redigere dei resoconti sullo stato del "mondo dell'informazione intorno all'operazione militare speciale" [l'espressione usata dal Cremlino per l'invasione], analizzando come gli utenti russi di Internet rispondevano alle notizie sulla guerra. Uno degli aggiornamenti esaminati dagli autori di questa storia riporta un aumento della fiducia degli utenti nel generale Sergey Surovikin, notando "l'importanza dell'immagine di Surovikin come portavoce per parlare dell'operazione militare speciale".

L'organizzazione è andata anche oltre i rapporti informativi, fornendo raccomandazioni (anche se non è chiaro a chi). Una, ad esempio, recitava: "È necessaria una risposta rapida e ferma da parte del comando del ministero della Difesa per le carenze di alto profilo di munizioni e di provviste per i soldati di leva nella zona dell'operazione militare speciale (con l'obbligo di accertare le responsabilità per la situazione)".

Nessuna base fattuale

Nell'estate del 2022, il "corrispondente di guerra" filorusso Alexander Kots ha scritto su Telegram: "Ricevuto da abbonati a Kharkiv: si tratta di annunci, in varie parti della città, da parte degli uffici locali dei servizi pubblici. Chiedono ai residenti di lasciare i loro appartamenti aperti, in modo che i combattenti della difesa territoriale possano allestire postazioni di tiro all'interno, se necessario". Messaggi simili sono stati pubblicati in molti altri canali Telegram favorevoli alla guerra.

Un mese dopo, questi messaggi sono stati inclusi in uno dei rapporti di Dialogue per l'amministrazione Putin sulla disinformazione effettivamente diffusa; alcuni di questi rapporti sono stati visionati per lavorare all'inchiesta. La storia degli annunci è stata contrassegnata come "operazione riuscita": le autorità di Kharkiv hanno rilasciato una dichiarazione pubblica di smentita, il che significa che si è diffusa tra gli utenti ucraini. "In realtà, le porte mostrate nelle foto si trovavano in un condominio di Mosca", ha dichiarato una fonte che ha collaborato con Dialog.

Un'altra notizia falsa diffusa dall'organizzazione sosteneva che i musulmani in Germania stavano affiggendo volantini per chiedere ai rifugiati ucraini di lasciare il paese. Una foto dei volantini, che in realtà sono stati affissi dai dipendenti di Dialog sulle finestre di un centro commerciale vicino all'ufficio dell'organizzazione a Mosca, è stata inviata a più di 300 mila follower da un canale Telegram chiamato Ukraina.ru. L'unica fonte citata accanto a questa informazione è stata "Ci è stato detto".

La nuova area di interesse di Dialog - generare disinformazione sull'Ucraina e sugli ucraini - ha preso forma alcuni mesi dopo l'inizio dell'invasione su larga scala della Russia. "Ci è stato chiesto di iniziare a trovare modi per rispondere alle notizie. E tutti hanno iniziato a proporre idee, storie, a fare brainstorming... E in qualche modo è venuta fuori questa idea: creare notizie false", racconta una fonte che ha partecipato alle sessioni di brainstorming.

Secondo i documenti di Dialog visionati, l'organizzazione era responsabile della creazione di notizie false su

Almeno 60 persone sono state coinvolte nella creazione di notizie false presso Dialog. "Il pensiero era: la parte ucraina è in grado di combattere una guerra di informazione, quindi perché non dovremmo farlo noi? Non so se sia una giustificazione o meno", ha detto un dipendente.

Nei primi mesi della guerra, la procedura per la disinformazione funzionava con meccanismi precisi. Ogni sera, i dipendenti compilavano un elenco di notizie che, a loro avviso, necessitavano di una risposta. Vladimir Tabak approvava personalmente la selezione. L'elenco veniva poi inoltrato ai vari dipartimenti di Dialog e a numerosi canali Telegram che collaboravano con l'organizzazione. La mattina successiva, i dipendenti di Dialog e gli amministratori di Telegram facevano brainstorming e proponevano le idee, scegliendo infine quella da pubblicare nel corso della giornata.

Telegram è stato al centro delle campagne di Dialog fin dal 2020, quando i suoi giovani collaboratori hanno convinto il loro capo Alexey Goreslavsky che questa sarebbe stata la piattaforma più efficace per coinvolgere il pubblico, come ha ricordato l'amministratore di un grande canale di notizie anonimo. Da allora Dialog utilizza Telegram per diffondere la disinformazione.

Tra i partecipanti alle riunioni di Dialog ci sono stati, ad esempio, i rappresentanti del canale Telegram pro-Cremlino Readovka, che poco dopo l'inizio della sua attività si è schierato a favore della guerra, secondo un dipendente di Dialog. Un altro dipendente ha detto che anche i rappresentanti di Mash, uno dei più grandi canali "tabloid" di Telegram, erano noti per aver preso parte agli incontri (né il caporedattore di Readovka Alexey Kostylev né il caporedattore di Mash Maxim Iksanov hanno risposto alle domande degli autori di questa inchiesta.

Anche la blogger Katrusya, che gestisce il canale Telegram Signal, ha partecipato alle riunioni di Dialog, che rappresenta una "rete" di canali di proprietà della propagandista Kristina Potupchik, amica di Vladimir Tabak.

"Quando vai nell'ufficio di Potupchik, ci sono Potupchik, il cane di Potupchik e Vladimir Tabak", ha detto uno degli ex dipendenti di Potupchik. "Potupchik distribuiva buste di denaro ai dipendenti, proprio davanti a Tabak. Per quanto ne so, avevano anche un contabile in comune. Per lo meno, li ho sentiti discutere di dettagli contabili. Potupchik aveva una quarantina di scrittori che scrivevano per il network, compresi quelli sugli argomenti assegnati da Tabak".

Kristina Potupchik non ha risposto alle domande. Tuttavia, è stato possibile stabilire che nel 2022 Dialog Regions ha inviato più di 50 milioni di rubli (circa 490 mila euro) a una società chiamata Rokk Media che appartiene a Yelena Berdova, la madre dell'ex marito di Potupchik, Anton Berdov. Il canale Telegram Baza ha precedentemente scoperto che Berdov e Potupchik possiedono una casa in Spagna del valore di circa 500 mila euro.

Dialog ha anche trovato il modo di diffondere disinformazione senza dover pagare. Secondo un dipendente, l'organizzazione inviava spesso "soffiate" ai grandi canali di notizie di Telegram, proponendosi come testimone oculare di eventi fittizi. Spesso i canali pubblicavano queste storie senza verificarle.

Alla fine dell'anno, tuttavia, molti dei principali canali Telegram sembravano essersi resi conto della strategia di Dialog e avevano smesso di condividere le bufale in modo acritico.

"La strategia ha smesso di funzionare", ha spiegato un dipendente di Dialog. "E i canali hanno smesso sempre più di accettare le nostre bufale. Perché si sono accorti dell'ondata in corso e non era chiaro cosa stesse succedendo e chi ci fosse dietro".

Questa crisi è ben illustrata da una presentazione interna di Dialog visionata per l'inchiesta. Secondo il documento, "lo spazio mediatico internazionale sta vedendo un gran numero di iniziative creative lanciate a sostegno dell'Ucraina" che "aumentano la percezione positiva dell'Ucraina nel mondo". In risposta, l'organizzazione ha deciso di "adattare" queste iniziative allo spazio mediatico russo per "rafforzare i sentimenti patriottici" e "sviluppare una percezione positiva dell'operazione militare speciale".

Combattere i "falsi" con i falsi

Nel corso della guerra, Dialog ha fornito sempre più sostegno al ministero della Difesa russo. Non è una coincidenza: in futuro, Vladimir Tabak spera di essere coinvolto in "qualcosa di più dei media" e di assumere una posizione di alto livello nell'amministrazione presidenziale, secondo due fonti vicine all'amministrazione Putin.

"Vladimir Tabak si è lamentato del fatto che nei primi giorni dell'invasione russa dell'Ucraina, il ministero della Difesa ha diffuso informazioni in modo incompetente e intempestivo", ha detto un conoscente del responsabile di Dialog. "E forse, dopo diverse settimane, sono riusciti a concordare che l'amministrazione presidenziale avrebbe lavorato sulle comunicazioni del ministero della Difesa. Ma ora 'tutto è sotto controllo', ovviamente".

All'inizio della guerra, Dialog ha creato un sito web e un canale Telegram parallelo, entrambi chiamati Tribunal, che ha presentato come una versione russa di Myrotvorets, un database ucraino online che contiene informazioni su persone accusate di collusione con la Russia o di partecipazione ai movimenti separatisti. Tribunal compila dossier sui "criminali di guerra" ucraini e pubblica articoli sui "crimini dei nazisti di Azov". "Quando Azovstal è stata catturata e i combattenti di Azov erano in attesa del loro cosiddetto processo, Tribunal è stata la piattaforma che ha spiegato [al pubblico] perché dovevano essere perseguiti", ha detto un ex dipendente di Dialog.

In seguito, le organizzazioni di Tabak sono diventate responsabili della distribuzione di post critici su Yevgeny Prigožin.

Secondo un ex dipendente, la partnership di Dialog con il Ministero della Difesa era gestita da Tikhon Makarov, uno dei vice di Tabak. "Ridevamo di lui, perché era chiaro a tutti che il ministero della Difesa diceva sciocchezze. Ma lui era sinceramente dalla parte del ministero", racconta.

Secondo una fonte che ha collaborato con Dialog, Makarov è anche responsabile del popolare canale Telegram War on Fakes. Il canale è stato creato all'inizio della guerra e conta attualmente 600 mila iscritti.

Il sito di War on Fakes dichiara che il canale è gestito da anonimi "proprietari e amministratori di diversi canali Telegram apolitici" che "forniscono informazioni obiettive sugli eventi in Ucraina e nei territori del Donbas". Si presenta come una piattaforma che "smaschera le fake news" mentre diffonde narrazioni propagandistiche pro Cremlino.

Il ministero della Difesa russo è il "principale beneficiario di questo canale", sottolinea la fonte che ha lavorato con Dialog. In uno degli ultimi post sull'attacco missilistico della Russia a una pizzeria di Kramatorsk, che ha ucciso 12 civili, tra cui bambini, War on Fakes ha definito l'obiettivo dell'attacco un "sito di dispiegamento di mercenari stranieri". In un altro post, l'attacco missilistico a un edificio residenziale che ha ucciso 46 persone a Dnipro lo scorso inverno è descritto come un'esplosione di gas causata dalle difese aeree ucraine.

Un manuale di Dialog che è stato possibile visionare spiega come "smontare le fake news" in situazioni in cui non ci sono abbastanza elementi fattuali. Il documento suggerisce di screditare la fonte dell'informazione, sottolineando quando mancano foto o video per confermare una notizia o quando questa si basa su resoconti anonimi. Un'altra raccomandazione è quella di menzionare chi potrebbe essere avvantaggiato dalla notizia, dicendo cose come "l'Ucraina vuole demoralizzare i cittadini russi".

Articolo originale pubblicato sul sito indipendente russo Meduza con licenza CC BY 4.0 (la traduzione in inglese della versione in russo è di Sam Breazeale). Per sostenere Meduza si può donare tramite questa pagina.