Comunicato di denuncia del Movimento socialista russo

Author
Refrattario e Controcorrente
Date
July 26, 2023
In English
En castellano

Il Servizio di sicurezza federale russo ha aperto un procedimento penale per apologia di terrorismo nei confronti di Boris Kagarlitsky, noto studioso di sinistra sulle questioni politiche e sociali, direttore della rivista online Rabkor.

Sono state effettuate anche perquisizioni nelle case degli editorialisti della rivista (e anche altri tre redattori di Rabkor sono stati arrestati.

È evidente che la vera causa della persecuzione di Kagarlitsky sono le sue idee politiche e il desiderio di chiudere Rabkor. Boris Kagarlitsky ha commentato attivamente la recente situazione politica e ha criticato apertamente la politica interna ed estera della Russia.

Il regime di Putin ha cercato più volte di mettere a tacere l'eminente politologo.

Nel 2018, l'Istituto sulla globalizzazione e sui movimenti sociali diretto da Kagarlitsky è stato dichiarato agente straniero. Nell'aprile del 2022, egli stesso è stato dichiarato agente straniero.

Boris Kagarlitsky è stato imprigionato per la sua attività politica per la prima volta in URSS, sotto la guida di Jury Andropov. Poi, nell'ottobre 1993, è stato arrestato e pesantemente picchiato per aver condannato lo scioglimento del Soviet Supremo.

Nel 2021 è stato detenuto per 10 giorni per aver chiesto di protestare contro le falsificazioni dell'elezione alla Duma di stato. Ora Kagarlitsky rischia di essere incarcerato fino a 7 anni.

Il processo penale contro Boris Kagarlitsky è un attacco al movimento di sinistra in Russia. Possiamo non essere d'accordo con alcune sue dichiarazioni e conclusioni fatte in diversi periodi della sua carriera politica, ma queste argomentazioni non hanno importanza ora. Potremo continuare a discutere delle nostre diverse posizioni non appena sarà libero.

Chiediamo a tutte le formazioni della sinistra di organizzare un'ampia campagna di solidarietà, di chiedere il rilascio immediato di Boris Kagarlitsky e di tutti i prigionieri politici e di sostenere il più possibile la redazione di Rabkor.

Nei suoi articoli e discorsi Kagarlitsky è rimasto invariabilmente ottimista sull'assenza di prospettive delle autorità russe. Gli eventi attuali dimostrano che il suo ottimismo è giustificato.

Il regime di Putin, dopo aver iniziato lo smantellamento totale dei resti della società civile, sta cercando di tappare la falla grande come una palla di cannone con un tappo di bottiglia.

Libertà a Boris Kagarlitsky!